CJASTEÔNS

Quatri righis scrtitis par presenta il paîs. Domandadis dalla Associatsion “La Piazza” in occasion dalla siò partecipatsion aTelefriuli al “Dario Zampa Show” dal 26 ottobri 2004.

A presentani e rappresentani a l’è stât: Claudio Tesolat e Riccardo Bragato

Cjasteôns a eis una frasion dal Cumun di Sopula in provincia di Pordenon.

I sin in 2000, pi o mancul. I saresin sigûr in mancul, sa no fosin rivâs altris, c’a son un pûc pi scûrs, ma a son un pûc mancul sapagnins di nu, sot i linsoi. Chissà a se a impararan mai a parla, come me in chistu moment?

Na volta quant che, ogni pais al veva un so segno distintîf a ni clamavin “gosôns”. Invesi, un me amigu ca’l voleva fa iodi di savei il talian al ni nominava come, “ipertiroidei”.

Un timp quant, che iò i eri un cânai, li attivitas principal a erin l’agricoltura e l’emigrasion. Po, i sin deventâs metalmazadri, cu li radis però, pi che altri plantadis ta la çera, ca era stada dai nustris vecius. Vuei i sin coma par dut.

Se saiu io se?L’ associatsionismo a mi plasares pensa c’al fos nasût uchì.

No sarà cusì, ma qusi, dato che la tradision a è ciamò viva.

La “Castellana”, ad esempli, una societat di piccolo risparmio, che la legge a ghi ha fat pierdi la funsion risparmio, ha però conservat, che di tignì dongia.

Da l’associasion Alpins a si sa dut. A son come il presemul par dut,indula ca è bisugna di da ‘na man. L’ associasion la Piazza, ca intrupa la soventût, a ti fa essi ottimista sull’avvigni. Ti par di jodi cjamò chel entusiasmo di altris, ‘nà, volta. A lavorà par la sagra dal meis di avost a son a sentenars e durant l’an a fasin da li rubutis par tignì vif il pâis.

I vevin la S.S. Doria che prima a era duta nustra, e ades, a è a miesis. A ghi ha dat i prins insgnamins di balon e non dôma, a Mantellato e ains dopo a Papais. I doi, dopo, a son zûs a infranchisi all’ Udinese. Altris associatsions di volontariato a son nasudis qualche an fa, par judà chei ca son in dificoltât. A Cjasteôns i vin dut se cal serf : La banca, la farmacia, tre miedis. L’asilo Favetti a la Casa di Riposo, a son nasus dopo ogni guera, quant che la sent a veva economicamente pûc, ma volontât e spirit, e se qualchi illuminat al veva un’idea, il tirasi su li manis e fa dibesoi, al era un moment. Ades i vin encia l’asilo comunal e cûi sa, sa le un ben?

Cjasteôns al vares ciapat il non, e al sares nasut , uchì, dulà che vuei a è la Glesia Parocchiâl. Cussì a la contin, chei ca disin di savê. C’al sares stat un CASTRUM romano, una fortificatsion, un post di guardia, o forsi, chei a vevin ciatat convenient fermasi, par via da li risorgivis ca son li ator.

Vuei a è la glesia. A è lì, da prima dal 1600, encia se in che volta a subit li ultimis grandis trasformasions. A è dedicada a Sant Andrea, che assieme al so vice, Jacu, a fasin biela mostra di lôur sul altar grant. Su altris doi altars a son invetsi, li telis di Pomponio Amalteo, una dal 1568 e che altra dal 1582.

In flanc alla glesia al’è il Parco Burgos, dula ca si fa encia la sagra. Al’è stat lasat da la famea al cumun. QQQqquant no ani lavorat i Alpins par tiralu a lustri?

Drentri, al’è un cipo cal requarda se chi erin; una cjera di emigrans.

In fasa la glesia al’è il palas che vuei al’è dai Burgos, ma ca lè stât dai Micoli Toscano, una famea che a era parona di un quart dal teren di Cjasteons e che, cun so cugnat Brussa al comandava su mies. Gianni Micoli, un personaggio tant inportant, par la vita economica e social da la comunitat, un cal a regalat in tai ains trenta il teren pal campo sportivo. A le stat president e l’anima da la cooperatsion in paîs, in un moment di sigur no fasil, come i ains, vinc e trenta.

Altris ciasis di un qualche pregio a son ches ca son stadis: dai Brussa in borc Saccons, e in plasa, che dai Costantini. Par resta in tema di personagios.

I vin vût tal 1900 doi eclesiastics una ura inportans, i fradis Costantini.

Giovanni prin arcivescovo da la nova diocesi di La Spezia. Da muart, ai an costruit una glesia e a son vignus a toisilu. Par Celso, il Cardinal, che invesi al’è restat cun nu, no bastares una trasmision intera par spiega se c’al a fat in vita. Iust pardi alc, a l’è stat: Reggente e Conservatore da la Basilica di Aquileia, in tal 1920 al’è stat Aministratour Apostolic di Fiume, prin Delegato Apostolico il Cina, Segretari da la Congregazione di Propaganda Fide. A timp pierdut, disin cusì, lui e siò fradi an trovat il mout di fasi apressa come scultours. Di Celso, i vin all’asilo una so statua che, a ritrai il Pio X da frut.

A proposit di arte, a mi ven in mins dai nustris apresas pitous, dal pasat, come Duilio Ius, e di vuei, sio fi, Stefano, Ugo Tonizzo, Angelo Topazini, Roberto da Cevraia, Enzo Borean, Sergio Colautti e dato ca son in tancu in dai dismintiat sigur pi di un.

La cooperatsion a vut una importansa fondamental par lo sviluppo economic, social, e par il modu di esi dalla sent di Cjasteôns. A partis di lontan, a si parla da la cjasa dal Miedi Condot sa dal 1896, c’al era l’unic dal cumun, e ca era stada fata da la Lataria. Vuei l’istitutsion a è encjmò cà, si clama Cooperative Agricole. Vacis a non de pi, e i nustris nevôus a no an tal nâs chel udurin da la nustra soventût. Ha cambiat il tipo di prestasions: comercial par agricoltura e artigianat, ma l’attivitât pì importante al’è il fôr. L’ultin cooperativo restat in provincia di Pordenon. Al fa pi di 25 qualitâs di pan, par una trentina di quintai in dì.

Poben saveisu se chi vi dis? I soi proprit content di esi nasut uchì.

Francesco Pagura Cjasteons 27/08/04

 

Comments are closed.